Poesie in vernacolo
Tutte le poesie del Premio Laurentum Online in vernacolo - edizione 2009


Russu di sira
Premio Laurentum 2009
di Vincenzo Aiello

Russu di sira



Jurnata c’accussì ti va astutannu
‘nt’on celu arripizzatu ’i mattuluni
russa è ‘a tò facci mentri va murennu
rusciana p’’a vasata rata ò suli.

Chi tò culura tu nni fai giuìri
spiranza tu nni du’ p’’u novu jornu
chi fussi bonu 'u tempu a vinìri
e manza di lu mari fussi l’unna.

A palla ‘i focu già vasa 'a muntagna
e ‘a prima stidda adduma priannèdda
‘u suli 'i manu sò ‘ntò mari abbàgna
‘nciammànnu 'u piscaturi e ‘a varchicedda.

Puru la taddarìta ora è fistanti
cuttuttu ca ci manca ‘a vavarèdda
‘miriàca pari mentri và jucannu
chi zappagghiuna a orvu-ciminedda.

Di la tò vita l’uri nni dunasti
senza taliàri amici e ne ‘nimìci
“spinnìtili p’’u beni” nni dicisti
c’è cu ti ‘ntìsi... e cu lu surdu fici.



Poesia precedente Poesia successiva


 IdentificativoPoesiaData
13210Solo amore.
In questo mondo di guerre, odi
di malattie, fame e povertà
c'è sempre bisogno
di tanto e solo
Amore.
11/06/2009
23188Nn essere un numero,chiuso in te stesso.si una parola ke p sia di sostegno agli altri si una parola di 5 lettere chiamata AMORE10/06/2009
33137il colosseo mi ha detto che Salutavi, ora non più.Nel cielo de lungotevere ho visto un gabbiano disegnare il tuo nome. Cosa devo dire a roma della tua assenza?08/06/2009
43727Di notte, in viaggio, tra le colline e gli alberi blu. La Luna fatata. Si levano le voci dello Spirito presente in Ogni cosa.16/09/2009
  
Poesie precedenti Tutte le poesie Poesie successive